Lazio, Inzaghi e il cambio modulo: un nuovo schema è possibile

Simone Inzaghi potrebbe pensare di cambiare modulo alla Lazio così da non lasciare troppi punti di riferimento. Il suo schema in Serie A è ormai prevedibile

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – Nonostante la rosa della Lazio si sia allungata durante la scorsa campagna acquisti, nel corso della stagione mister Simone Inzaghi ha avuto la coperta corta in più di qualche occasione. Complice anche l’entrata in scena del coronavirus che, spesso e volentieri, ha dettato la formazione al posto del tecnico incaricato. Tuttavia anche in emergenza, con riluttanza l’allenatore piacentino ha fatto a meno del tanto affezionato 3-5-2. Focalizzarsi troppo sulle proprie idee rischia di rendere una squadra prevedibile, soprattutto sono anni che in Serie A il modulo è sempre lo stesso. Se nelle partite giocate fin qui è stato perso qualche punto di troppo, probabilmente è stato anche per l’avversario è riuscito a leggere la sfida in maniera corretta. I punti deboli dello schema di Inzaghi sono ormai noti.

LE PAROLE – Oggi, ai microfoni di Radiosei, l’ex difensore Giancarlo Oddi ha avanzato un’ipotesi di un possibile 4-3-3. Il campione d’Italia nel 1974 con la casacca biancoceleste ha anche detto la sua sui Globe Soccer Award assegnati ieri. A primeggiare il Bayern Monaco, prossima avversaria dei biancocelesti in Champions League, con il suo giocatore migliore: Robert Lewandowski:

Cristiano Ronaldo? Ieri è stato nominato ai Globe Soccer Award come giocatore del secolo. Penso che come primo ci possa stare, tuttavia bisognerebbe assegnare tali prendi tenendo conto del numero di partite che uno ha giocato. Ronaldo quello soprannominato il Fenomeno, mi faceva impazzire. Già ai tempi del Barcellona. Bastava lanciargli la palla oltre la linea mediana del campo che se l’andava a prendere e al resto pensava lui. Lewandowski? Giusto avergli assegnato il titolo di calciatore dell’anno. Ha segnato in tutti i modi. Certo, nel calcio di oggi segnare è meno difficile di come era qualche tempo fa. Inzaghi? Lo hanno criticato spesso, ma ritengo che sono più le volte in cui è stato adorato, rispetto a quelle in cui lo hanno messo alla gogna. Non mi sono piaciute alcune sue scelte nell’ultima partita di campionato, quella contro i rossoneri. Tuttavia spesso ha fatto vedere grandi cose. Gli elogi ricevuti sono meritati poiché frutto del lavoro. Il bilancio da quando allena la Lazio è positivo. Credo però che ogni tanto dovrebbe osare e cambiare modulo. Non puoi fare sempre il 3-5-2 anche se non hai i centrali. Appena arrivato schierava i suoi uomini a specchio rispetto all’avversario. Adesso però tutti conoscono iò suo modo di giocare. Non mi dispiacerebbe vedere una difesa a quattro con Patric terzino destro e Radu terzino sinistro. Acerbi al centro con Luiz Felipe. Leiva, Milinkovic e Luis Alberto a centrocampo con Immobile prima punta. Ai lati del centravanti partenopeo Lazzari e Correa”. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: “9 trattative possibili a gennaio!” >>> LEGGI SUBITO LA NOTIZIA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy