• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, la prossima mossa sarà il taglio degli stipendi

Lazio, la prossima mossa sarà il taglio degli stipendi

La Lazio è pronta ad adeguarsi dato il momento difficile. Dopo la Juventus anche le altre squadre taglieranno gli stipendi dei loro giocatori

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – La prima squadra in Italia ad optare per il taglio degli stipendi è stata la Juventus. Nemmeno il club italiano economicamente più forte può far fronte a quest’emergenza senza un piccolo ridimensionamento. Ben presto c’è da aspettarsi che l’esempio bianconero verrà seguito da molti altri club, di Serie A ma non solo. Anche il Barcellona, secondo quanto emerge dalla prima pagina della Gazzetta dello Sport, è pronto ad una riduzione. “Ci tagliamo gli stipendi del 70%” ribadisce Messi sul taglio basso.

SERIE A – E la Lazio? Secondo le parole di Igli Tare, per il canale tedesco Sport 1 e riportate dal Corriere dello Sport, anche i biancocelesti avranno una riduzione del loro ingaggio. Inevitabile da parte delle squadre che in questo momento di crisi dovranno fare a meno dei diritti televisivi. Sempre stando alle parole del DS del club capitolino, il 75% dei club in Italia riesce a mantenersi soprattutto grazie alle entrate dovute alle pay TV. Il mondo del calcio si prepara alla svolta epocale.

FUTURO – Proprio per questo la Lazio, assieme almeno alla metà delle partecipanti alla Serie A, vorrebbe ripartire il primo possibile. Sacrosanto il rispetto di quanto sta accadendo, ma non si può privare l’uomo della voglia di ripartire. Secondo alcune indiscrezioni trapelate dall’UEFA, si starebbe lavorando per fa sì che la prossima estate sia un periodo favorevole alla conclusione della stagione. Tuttavia per i prossimi anni ci si potrebbe dimenticare delle cifre astronomiche che ruotavano intorno al calcio.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy