Lazio, nuova lite Inzaghi-Lotito post-Atalanta: obbligo di riscatto

Il presidente ha alzato il telefono ed è entrato a gamba tesa sul tecnico per le scelte, Hoedt e l’atteggiamento. Non sembra però essere di nuovo in dubbio il rinnovo

di redazionecittaceleste
notizie Lazio: Lotito Inzaghi

ROMA – Nuovi attriti Inzaghi-Lotito. Subito dopo l’uscita dalla Coppa Italia, il presidente ha alzato il telefono ed è entrato a gamba tesa sul tecnico. Non gli sono piaciute le scelte, Hoedt da lui fortemente voluto, l’atteggiamento complessivo. Per carità, il ko difficilmente può rimettere in dubbio il rinnovo, manca solo la firma sino al 2024, ma domenica servono tutt’altro spirito e strategia in campionato. Dopodomani non è ammesso un altro ko, sia per la risalita al quarto posto, sia per una questione di prestigio. Perde i milioni di una competizione, la Lazio, ma soprattutto perde di nuovo contro l’Atalanta a Bergamo. Gasperini per Inzaghi è diventato un autentico incubo. Cinque sconfitte biancocelesti nelle ultime 7 gare giocate dal 2018. In mezzo il pareggio rocambolesco (3 a 3 in rimonta) dell’anno scorso all’Olimpico, ma sopratutto la finale vinta meno di due anni fa proprio in Coppa Italia, sui cui episodi (mano di Bastos) continua a recriminare l’allenatore nerazzurro. Nel post-partita Simone si è risentito dell’ennesimo richiamo, ma ora deve vendicarsi una volta per tutte sul campo. Deve cambiare il copione per avere la meglio: magari sfruttare dopodomani l’emergenza orobica sulle fasce (assente Gosens per squalifica e Hateboer per infortunio) e il recupero di Luis Alberto, dopo l’operazione d’appendicite pronto al rientro dal primo minuto. Sicuramente l’ultimo match è stato condizionato dalla prestazione horror dietro, ma non basta a spiegare in superiorità numerica la mancanza di mordente e cinismo. Con Acerbi, solo Reina ha provato davvero a salvare (rigore parato su Zapata) la Lazio e ha suonato la carica anche il giorno dopo: «Su la testa e sempre cazzuti in avanti. Possiamo prenderci la rivincita subito».

MERCATO
Per Lotito diventa imperativo. Sfoglia l’almanacco e deve rispolverare addirittura il 20 agosto 2016 per una vittoria biancoceleste a Bergamo, alla prima giornata di quel campionato. Un 3-4 su Gasperini del primo Inzaghi, che riusciva a cogliere anche dai giovani e dai gregari il massimo risultato. Non a caso in quella partita segnarono, oltre Immobile, Lombardi, Cataldi e proprio Hoedt, ironia del fato. Il centrale l’altro ieri notte costretto a bloccare i commenti “cattivi” sul suo profilo dopo le scuse a cuore aperto. Eppure non può essere considerato certo l’unico colpevole di quanto accaduto. Dopo lo sbarco di Musacchio (chissà se già titolare dopo un triplice allenamento, oggi alle 13 sarà presentato) al posto di Luiz Felipe, continuano a rilanciare per la difesa il nome di Bruno Viana dal Portogallo. Solo smentite da Formello, difficile poi possa essere Hoedt a fargli nella lista dei 25 (resta fuori pure Vavro) spazio. A meno che non venga tagliato a sorpresa un nome in un altro reparto: rumors dal Belgio paventano un ritorno di Andreas Pereira allo United con interruzione del prestito. Bocciato da Inzaghi pure a Bergamo, sia da seconda punta che da mezz’ala troppo svogliato. E intanto, parlando del mercato della Lazio, arrivano grosse indiscrezioni: >>> “9 trattative possibili a gennaio!”<<<

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy