• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Notizie Lazio – In campo per l’onore e il futuro: l’analisi sul Brescia

Notizie Lazio – In campo per l’onore e il futuro: l’analisi sul Brescia

Il Brescia è già matematicamente retrocesso in serie B, senza più nulla da chiedere al campionato: un’attenta analisi sulla squadra lombarda

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

Il Brescia è già matematicamente retrocesso in serie B, senza più nulla da chiedere al campionato. Un’annata sciagurata quella dei lombardi, dopo la promozione dello scorso anno, quando vinse il campionato cadetto in maniera convincente. Prometteva bene anche l’approdo in A, con una squadra da confermare con qualche innesto come Balotelli. L’ennesimo fallimento di Supermario (il “mea culpa” è arrivato anche dallo stesso Cellino), qualche infortunio di troppo (vedi Dessena) e una condizione non delle migliori, hanno portato all’amara conclusione. Si poteva sicuramente fare di più, anche a fronte della rosa bresciana. Lo scontro, che sul campo può sembrare impari, è anche politico tra Lotito e Cellino, ai fronti opposti in merito alla possibile ripartenza del campionato. E’ probabile la richiesta di dare il massimo da parte del patron lombardo. La Lazio non deve assolutamente sottovalutare l’impegno, ricordandosi di Lazio-Chievo dell’anno scorso. Ecco, i biancocelesti sono capaci di queste “imprese”, da scongiurare. Per prima cosa perché la corsa per il secondo/terzo posto è viva, vincendo entrambe le ultime sfide si ha la certezza matematica di non arrivare quarti (sebbene l’ultima sia a Napoli, campo tutt’altro che semplice), poi ovviamente per un fatto di gloria e prestigio: non vincere con una squadra già retrocessa non si fa bella figura.

CHIAVE TATTICA – Tanti i punti persi dai lombardi, soprattutto contro le grandi gli scontri sono tutti impari: 6-2 con l’Atalanta, 6-0 l’Inter, 0-3 con la Roma nel solo post-Covid. Il modulo di tutta la stagione è stato il 4-3-1-2 (variabile 4-4-2) e anche gli uomini chiave non sono variati, nonostante il cambio di ben tre allenatori. Joronen, Chancellor, Sabelli, Donnarumma e soprattutto il gioiellino Tonali sono la spina dorsale del Brescia. Da loro si può capire come poteva essere fatto qualcosa in più, le qualità c’erano. Non resta che resettare tutto e ripartire dalla serie B, probabilmente senza questi protagonisti, ma con nuovi talenti per risalire prima possibile.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy