QDL – Zoff: “Reina o Strakosha? La Lazio tra i pali è al sicuro”

le parole di Dino Zoff ai microfoni di Cittaceleste TV e di Radiosei. L’ex Lazio crede nel cammino dei biancocelesti in questa stagione

di redazionecittaceleste
Notizie Lazio: Dino Zoff

Notizie Lazio

ROMA – Dino Zoff, storico presidente ed allenatore della Lazio nonché campione del mondo con l’Italia nel 1982, è intervenuto a Quelli della Libertà: trasmissione radiotelevisiva di Cittaceleste Tv e Radiosei condotta dal direttore Stefano Benedetti e Federico Terenzi:

notizie Lazio: Reina e Strakosha
notizie Lazio: Reina e Strakosha

“Nessuno sport che si rispetti è facile. Padel? Qualche tempo fa l’ho praticato, ma ormai sono scaduto! (Ride, ndr). Maradona? Era un fenomeno. Quelli come lui non sono giocatori ma artisti. Giusto che campioni come lui abbiano la ricompensa che meritano. Io da portiere ho sempre invidiato un po’ chi poteva divertisti ed inventare le giocate. Miti come lui non moriranno mai. Ho molti ricordi di lui in campo: le premiazioni, ma anche quando lo andai a trovare a Torino. Napoli? Ancora oggi porto quel periodo nel cuore. Lazio? Le cose non stanno andando male, tutt’altro. In passato per fare bene in campionato hanno snobbato l’Europa. Ora senza calcoli stanno facendo bene. Reina ha dato sicurezza e portato personalità. Anche con i piedi non è male. Strakosha lo difendo perché ha spesso fatto bene. Credo che siamo messi bene tra i pali. Quando ero alla Lazio andai io a prendere De la Peña. Sollevai delle perplessità al presidente ma andai lo stesso. Diciamo che è una vicenda che mi ricorda la situazione di Eriksen con Conte. La Lazio comunque quest’anno la vedo bene, anche se lo scorso finale è stato sfortunato. C’era troppa responsabilità. Sono una bella squadra e credo che possono continuare a togliersi delle belle soddisfazioni. Pirlo? Non lo conosco ma ha una buona rosa e penso che potrà spuntarla. L’importante è che non voglia strafare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy