• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

ESCLUSIVA – Inzaghi era “ironico”: è furioso con “nuovi” e “riserve”!

ESCLUSIVA – Inzaghi era “ironico”: è furioso con “nuovi” e “riserve”!

L’allenatore ha avuto sì le risposte, ma in negativo: Murgia e Caceres svogliati con le valigie in mano, Berisha e Correa infastiditi dall’essere titolari solo nelle gare che non contano

di redazionecittaceleste

ROMA – E’ sembravo voler smorzare i toni e la sconfitta. Inzaghi è sembrato voler giustificare l’umiliazione di Cipro, ma in realtà era “sarcastico” in questa frase: “Ho avuto le risposte che volevo….”.

E’ furioso, Inzaghi, a dire il vero. Secondo le nostre esclusive indiscrezioni, il tecnico ha avuto il responso dal campo da alcuni giocatori, ma lo ha avuto in negativo. Ieri ha tratto delle conclusioni su alcuni giocatori che, secondo lui, gli hanno remato contro. Simone voleva vedere quali motivazioni avrebbe trovato chi ha giocato meno, invece chi è sceso in campo non c’ha messo alcun impegno. In particolar modo, chi ha le valigie pronte per gennaio. Inzaghi ha sostituito Murgia non a caso: il centrocampista dell’Eur ha sbagliato tutti i passaggi, non è mai stato deciso negli inserimenti. Forse era la sua ultima partita prima di andar via in prestito, la sua testa era già altrove. Così come quella di Caceres, sceso in campo come se stesse facendo un favore: svogliato sulla fascia destra, si è limitato a fare il compitino e ha messo una sola palla buona in attacco.

NUOVI

Inzaghi è arrabbiato anche con Berisha, che guarda caso non aveva gradito il mancato ingresso in campo domenica contro il Milan. Da uno con la sua grinta ci si aspetta molto di più di un tiro a fil di palo dopo 17′ e poi il nulla. Anzi, tutta una serie di palle perse, compresa quella del raddoppio dell’Apollon. Forse era convalescente, ma al tecnico il suo atteggiamento è sembrato irriverente. Così come quello di Correa, eroe dell’ultima giornata di campionato, stavolta schierato dall’inizio. Lui vorrebbe giocare titolare le partite che contano, ma Inzaghi voleva vedere come si sarebbe comportato ieri. E lo ha infastidito il suo piglio inutile di superiorità: fumoso nei dribbling, superficiale in un tiro a due passi dalla porta sopra la traversa. Adesso il Tucu tornerà indietro nella gerarchia. Alla faccia di chi lo voleva di corsa in campo e non più al fischio d’inizio in panchina.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy