• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

ESCLUSIVA – Radu-Lazio, i retroscena di un caso aperto

ESCLUSIVA – Radu-Lazio, i retroscena di un caso aperto

La società dice di voler svecchiare la rosa, ma in realtà non gli è andato giù il rendimento e la tenuta della bandiera

di redazionecittaceleste

ROMA – Non ha chiesto lui di essere ceduto, non è vero nemmeno che – in presenza di un nuovo acquisto titolare – non accetterebbe un altro (di riserva) ruolo. Secondo le nostre esclusive indiscrezioni, Radu è stato messo all’angolo. Ed è una decisione legata a qualche infortunio di troppo e al rendimento di quest’anno. Una decisione presa solo da Tare e Lotito, visto che Inzaghi aveva detto nell’ultima intervista di pochi giorni fa di voler ripartire dal suo pupillo.

La notizia uscita oggi sembra un fulmine a ciel sereno, ma in realtà la società la coltivava da parecchio. Anche alle spalle di Radu. Ci sono stati atteggiamenti del rumeno che non sono andati giù al club, che conferma quanto uscito oggi. Radu sarà libero, se vorrà, di gestire il suo cartellino gratis. Il problema è che se Inzaghi dovesse opporsi, la dirigenza avrebbe fatto un autogol clamoroso e aperto pure un caso. La logica dice che c’è qualcosa che non è stato detto. Perché Stefan a novembre aveva firmato il rinnovo sino al 2021 col prospetto di un futuro da dirigente. Un paradosso che ora ingaggio (tre milioni lordi a stagione) ed età (33 anni) siano diventati un fardello così pesante. Perché la Lazio fa fatica con le uscite e, in qualche modo, la rosa la deve svecchiare. Così Lotito e Tare hanno parlato con Radu, gli hanno detto che non pretenderanno un euro per il suo cartellino alla squadra che gli permetterà di giocarsi le sue ultime chance altrove. In pratica è una buona maniera per chiedergli di trovarsi un’altra sistemazione. La società assicura non ci sia stata nessuna rottura. Dall’entourage del rumeno non commentano, ma si è alzata la maretta: un po’ come successe con Klose, Radu è arrabbiato perché gli erano state fatte delle promesse e invece sono cambiate le carte. Stefan non vuole fare troppo rumore e, dopo 12 anni (e 347 presenze) d’amore, sta cercando eventualmente di separarsi bene. In tutto ciò ha ancora due anni di contratto e non è detto che troverà (in passato aveva avevano bussato Fiorentina, Milan e Fenerbahce) per se stesso la migliore soluzione. Eppure se dovesse rimanere, non sarà facile ricucire un rapporto con la società che gli ha voltato le spalle.

DAL 2 MAGGIO CITTACELESTE TV LA TROVI SUL CANALE 85 DEL TUO DIGITALE TERRESTRE. RISINTONIZZA I CANALI E RESTA CONNESSO H 24 AL MONDO LAZIO!

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy