notizie

Simoni: “Simeone alla Lazio? Sarei contentissimo.” – ESCLUSIVA

ROMA – Nel corso della trasmissione “IO TIFO LAZIO” in onda su Cittaceleste.it e condotta da Simone Ippoliti, è intervenuto in esclusiva l’ex allenatore della Lazio Gigi Simoni, per fare un punto sul...

redazionecittaceleste

"Molti tifosi biancocelesti vorrebbero un ritorno di Diego Pablo Simeone nelle vesti di tecnico. Ecco cosa ne pensa Simoni che lo ha allenato ai tempi dell’Inter

"“Simeone era allenatore già da quando giocava. Eravamo in due, me e lui in campo… Grande personalità e ora nella sua carriera da tecnico ha raccolto già dei risultati importanti. Per me è stato sempre un pupillo, ragazzo in gamba e serio. Confesso che a volte ho ascoltato anche i suoi consigli per prendere determinate decisioni. Lui è rimasto legato più alla Lazio che all’Inter, ma anche a Milano aveva costruito un rapporto importante sia con me sia con la presidenza e i tifosi. Sarei contento che tornasse, così avrei l’opportunità di incontrarlo. E’ un piacere parlare con lui”.

"Secondo anno sulla panchina della Lazio per Petkovi, che ne pensa del tecnico?

"“Non posso dare dei giudizi precisi, in quanto non vivo lo spogliatoio. L’altr’anno le cose andavano bene e tutto si gestisce con più tranquilittà. Per guidare una squadra come la Lazio ci vuole personalità. Petkovic mi sembrava una persona con queste caratteristiche e ho fatto il tifo per lui. E’ un buon tecnico e una brava persona. Ma capisco che quella di Roma non è una realtà semplice. Ci sono delle componenti che rendono il lavoro più difficile, specialmente questa partenza negativa. Quest’anno si aspettava qualcosa in più e invece i risultati non stanno arrivando”.

"Lente di ingrandimento sull’uomo del momento, il giovanissimo Keita

"“Ha delle ottime qualità, impressionante a tratti, ma è ancora giovanissimo. Diamogli tempo ancora per migliorare e in caso capire quali possano essere i limiti del calciatore”.

"E a proposito di giovani, nella sua carriera quale ragazzo aveva le potenzialità per diventare un campione e invece non si è consacrato?

"Un ricordo della sua Inter e sulla cessione della società di Massimo Moratti a Thohir

Cittaceleste.it