Poker di Natale all’Olimpico

Questo il commento al termine della sfida contro il Crotone

di redazionecittaceleste

ROMA –  Aggrappata alle treccine di Lukaku, la Lazio torna in zona Champions. Quanta fatica contro il Crotone, poi però Immobile cambia l’inerzia della gara e anche il copione: il primo tempo finisce zero a zero fra tanti errori e troppo nervosismo, nella ripresa Ciro si mette sulle spalle il risultato. Stavolta Milinkovic e Luis Alberto sono assenti, quindi il bomber partenopeo in contropiede si trasforma in assistman: scorazzata a evitare il recupero di ben due difensori calabresi, quindi lo scarico per il tapin di Jordan. Nella ripresa chiude la gara con una testata alle ingiustizie e all’astinenza. Poi trova gloria anche Felipe nel finale con un bell’assist per il tris di Lulic e il tapin vincente, dopo quello in Coppa Italia.

PROTESTE

Il terzino belga in realtà nella prima frazione oscurato da Marusic, scatenato a sinistra: i traversoni del montenegrino però vengono sempre stoppati o mal sfruttati dagli altri giocatori biancocelesti, intenti più a protestare che a segnare. Così al 31′ quasi quasi a riuscirci, con l’unica occasione, è Trotta di testa. Al 41′ Parolo colpisce l’esterno della rete da pochi metri. Nei primi minuti arrivano tuttavia le migliori chance per la Lazio: Immobile invoca un rigore per un sandwich in area, poi Luis Alberto colpisce al volo un cross di Marusic, Cordaz devia in corner. E, sugli sviluppi, de Vrij si divora il gol da un metro. Anche l’arbitraggio di Calvarese non piace, così l’ira dei tifosi si dirotta contro Giacomelli “figlio di…” per tutta la gara.

TRE PUNTI

Nella ripresa la Lazio rinizia confusionaria, ma poi Immobile suona la carica. Per poco Strakosha non rovina subito tutto con un dribbling folle in area. Murgia fa poco filtro a centrocampo, al 75′ Inzaghi lo sostituisce con Leiva. Fuori anche Milinkovic (si pensa a Fiorentina e Inter) per Lulic, che subito regala l’assist per il raddoppio: Marusic calcia alle stelle. Invece Immobile va vicinissimo a sbloccarsi con un delizioso tocco a sfiorare il palo. E poi finalmente ci riesce su un’azione costruita proprio da Lukaku, che scarica su Lulic: su cross, Ciro s’avventa di rabbia e scaraventa in porta la palla con una capocciata.  Match win all’Olimpico, due mesi dopo.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy