Inzaghi al lavoro per eludere la rabbia delle Streghe e… la vendetta di Cataldi

Il tecnico biancoceleste sta preparando la trasferta contro il Benevento, squadra ancora a zero punti dopo dieci giornate

di cittacelesteredazione

di Simone Cesarei

ROMA- Ancora una vittoria, nonostante tutto e tutti. Nonostante la bufera mediatica che si è abbattuta sulla Lazio di Inzaghi dopo gli adesivi antisemiti attaccati in Curva Sud, i biancocelesti continuano a vincere e convincere. Anche a Bologna hanno regalato spettacolo, con un primo tempo in cui forse si è espresso il miglior calcio della stagione, prima di allentare il ritmo nella ripresa a causa dei molti impegni ravvicinati. Un calo fisico comprensibile, in cui però si è rischiato di pareggiare una partita mai veramente in discussione. C’è ancora tanto da lavorare per Inzaghi, la concentrazione per tutti i novanta minuti deve essere l’obiettivo primario per continuare la striscia di vittorie consecutive, ora arrivate a nove comprendendo anche l’Europa League. Il prossimo avversario della Lazio sarà il Benevento di De Zerbi, squadra neopromossa ma che ancora non è riuscita a trovare il primo punto in Serie A. La partita sembrerebbe scontata, ma le insidie sono dietro l’angolo.

STREGHE

benevento

Prima Baroni, ora De Zerbi. Il cambio di allenatore in casa Benevento non ha portato i risultati sperati. Nella trasferta di Cagliari, i campani erano riusciti ad acciuffare il pareggio grazie al rigore di Iemmello al 94′ minuto, per poi subire il nuovo vantaggio dei sardi dopo soltanto un giro d’orologio con la zuccata vincente di Pavoletti. Sfortuna, ma anche una rosa forse non all’altezza della Serie A. Eppure tra le fila delle Streghe ci sono due giocatori che la Serie A la conoscono, eccome. Si tratta di Danilo Cataldi e Cristiano Lombardi, ex giocatori della Lazio. Il centrocampista è punto fermo dell’undici titolare giallorosso, ma finora non è riuscito ad imporre le proprie qualità, complice sicuramente il momento più che negativo di tutta la squadra, legato a gioco, risultati e ad un ambiente passato in un attimo dal sogno della Serie A all’incubo. Difficile affermarsi, in un contesto del genere. Eppure Danilo ci sta provando, con geometrie, idee e talento. Si, perchè la voglia di riscatto è tanta. La sua avventura in biancoceleste, partita con i migliori auspici, si è rivelata un fallimento e Cataldi non ha mai digerito il comportamento della società nei suoi confronti. Ecco allora che il centrocampista romano è pronto a dare tutto per colpire quella che una volta è stata la sua maglia, per dare un dispiacere a chi non ha creduto fino in fondo in lui. Inzaghi è avvertito, dovrà evitare la rabbia delle Streghe e la vendetta dell’ex figliol prodigo.

Cittaceleste.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy