• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

Mercato Lazio, Azmoun o Caicedo. Lotito: “Lo scoprirete presto”

Bloccato l’ecuadoregno, ma – prima di lasciargli il posto da extracomunitario – nella notte ultimo tentativo per il preferito Messi iraniano

di redazionecittaceleste

ROMA – Ok, il prezzo è giusto, ma per chi? Azmoun o Caicedo, il passaporto extracomunitario di uno esclude l’altro, c’è una sola casella ancora da sgombrare. E dentro Lotito ci balla con entrambe le punte: «Lo scoprirete presto chi vincerà». Se la ride, il presidente, approfittando dei misteri di Formello e del caos mediatico internazionale: «Azmoun è della Lazio per 18 milioni», annunciava ieri niente di meno che la Federazione iraniana sul suo profilo ufficiale Instagram, suscitando un delirio d’euforia a Roma. Ma dal club biancoceleste spegnevano l’entusiasmo per evitare nuove cocenti delusioni di mercato e anche perché nel pomeriggio trattavano per chiudere in Spagna Caicedo, non certo il profilo più amato dai tifosi: «Nelle prossime ore potrebbe essere ceduto», ammetteva per la prima volta ieri l’Espanyol. E ora anche in Catalogna si son convinti che sia la Lazio – tramite l’intermediario Castagna in missione – in vantaggio sul Lille di Bielsa per il 28enne ecuadoregno. As e Mundo Deportivo si chiedono ancora perché a Roma dovrebbero accoglierlo come “straniero”, dal momento che Felipao gioca da settembre 2015 con passaporto europeo: ebbene, il matrimonio con la bella valenciana Marìa Garcia (da cui è nata la figlia Noa a Barcellona) non sarebbe valido ai fini della documentazione italiana, secondo quanto sostengono alla Lazio. Pronta comunque a prelevarlo per 5-6 milioni (commissioni comprese), dopo aver ricevuto l’ok dall’attaccante a decurtarsi lo stipendio a quasi 2 milioni più bonus, pur di sbarcare in Serie A. Il tesseramento verrebbe ad ogni modo rimandato dopo la cessione di uno fra Perea e Mauricio. A meno che a sbloccare l’acquisto non fosse proprio Djordjevic, di cui Caicedo rappresenta il sostituto.

RILANCIO

Eppure la Lazio sogna ancora di piazzare prima il colpo ad effetto per il dopo Keita. Per questo – prima di chiudersi definitivamente il posto extra con Caicedo- vuole provarci sino all’ultimo per il Messi iraniano per il dopo Keita. L’ultima offerta da 15 milioni per Azmoun aveva trovato la solita resistenza a Kazan, fermi a 22 per rimettersi a trattare. Ma Lotito in persona nella notte si è spinto addirittura a 18 e i russi potrebbero cedere: «Il Rubin vuole tenerlo – spiega l’agente Mehdi Hagitali – ma non è detta ancora l’ultima parola». In Iran non solo tifano per l’affare, ma lo danno per fatto: «Mancano soltanto le firme su un accordo che sarebbe stato trovato per una cifra mai sborsata prima d’ora per un calciatore iraniano». In realtà, Zarate a parte, nemmeno per uno biancoceleste nell’era Lotito. C’è una svolta nelle intenzioni, ma anche il rischio di aprire gli occhi e ritrovarsi poi Caicedo, che aspetta e gufa Azmoun. Guai però poi a parlare eventualmente di rimpiazzo, ma di occasione stile Immobile, secondo Tare: l’attaccante aveva addirittura una clausola da 35 milioni, l’Espanyol deve svenderlo per colpa dell’allenatore Flores, che ormai non lo vede da più di un anno. Con Azmoun c’è l’accordo economico a 2,5 milioni più bonus, la Lazio con l’ecuadoregno risparmierebbe sullo stipendio e su altri tredici milioni da impiegare più in là per altre opportunità. Solo per talenti alla Azmoun tuttavia, la Lazio si spingerà a certe cifre: per esempio per il sogno Viera de Las Palmas. Non farà simili sforzi per i piani B italiani (Falcinelli). Eder si tira fuori («Voglio restare all’Inter»), ma Spalletti lo ha già scaricato, figuriamoci se dovesse arrivare pure Keita: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy