• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Mercato Lazio, assalto a Brahimi, se sfuma Azmoun

L’algerino è la prima alternativa di talento al Messi iraniano

di redazionecittaceleste

ROMA – Sale Brahimi, scende Azmoun, Caceido resta stabile col nodo extracomunitari ad allungare i tempi del mercato biancoceleste. Senza dimenticare il siparietto di Marotta e Lotito ai calendari, seduti uno accanto all’altro quasi a sancire la pace definitiva anche se l’offerta della Juventus per Keita sbandierata dal diggi bianconero ai giornalisti presenti è inferiore rispetto alle richieste laziali. Massimo 18 milioni, bonus compresi, per un giocatore che andrà a scadenza tra dodici mesi sono considerati già una proposta alta per le casse biancocelesti, quasi un regalo da parte del club torinese. Tant’è, intanto il diesse Tare lavora come se il senegalese andrà via (nessuno a Formello vuole pensare ad altre vie d’uscita) ed è quindi necessario prendere un sostituto all’altezza per riaccendere anche l’entusiasmo della tifoseria ormai rassegnata a perdere Keita dopo Biglia. Il favorito è ora Brahimi, fantasista del Porto, giocatore talentuoso che andrebbe a impreziosire il reparto offensivo biancoceleste. Il Porto ha sparato alto almeno 18 milioni, la Lazio sta lavorando da circa due mesi a questo affare sotto traccia. Mentre uscivano le notizie su Azmoun, altro obiettivo reale (ieri dall’Iran nessuna indiscrezione), Lotito tesseva la tela per strappare Brahimi al Porto. Inzaghi spinge e sogna un tridente da favola con Immobile e Felipe Anderson.

EXTRA

Intanto è esploso il nodo extracomunitari: la Lazio ha tesserato il serbo Maursic e, in questa sessione di mercato, ne potrà prendere solo un altro dopo aver ceduto all’estero uno tra Perea, Mauricio o Djordjevic. Per questa ragione Caicedo che dovrebbe arrivare come quarto attaccante e proprio al posto del centravanti serbo ha purtroppo passaporto extra Ue, come confermano dalla Spagna. Il matrimonio di Felipe con la bella Maria Garcia, che gli aveva fatto acquisire a settembre 2015 la cittadinanza spagnola, non ha validità al di fuori dei confini iberici. C’è stata quindi una frenata che non vuole dire che l’affare Caicedo sia saltato, l’intermediario Castagna continua a lavorare ma Lotito non vuole togliersi la possibilità di prendere un altro extracomunitario soprattutto se Azmoun dovesse sbloccarsi. Slegato da tutto Brahimi che ha passaporto francese e – secondo il tempo – sarebbe l’ideale insieme a Caicedo per completare il reparto: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy