Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Mercato Lazio, è Cristante l’erede di Milinkovic

Lotito ha già chiesto informazioni a Percassi. Sergej andrà alla Juve a fine stagione

redazionecittaceleste

ROMA - Programmazione, così si chiama. Oppure, in questo caso, potremmo definirla prevenzione. La Lazio pensa già al mercato estivo, la strada che percorre è importante: porta a Bryant Cristante, 22 anni, uno dei centrocampisti migliori del campionato, già autore di 8 gol in questa stagione con l’ Atalanta (5 in campionato di cui uno alla Juve e 3 all’ Everton in Europa League). Lotito ha chiesto informazioni e fa sul serio: i rapporti con il «collega» Percassi sono eccellenti.

STRATEGIA

Cristante non appartiene ancora all’ Atalanta a titolo definitivo, è in prestito fino al termine della stagione. Sarà riscattato a giugno, quando il club bergamasco pagherà 4 milioni al Benfica e se lo porterà a casa, nel rispetto dell’ accordo firmato nel gennaio del 2017. Dieci mesi fa i portoghesi speravano che si arrivasse a questo punto, perché il giovanotto da loro aveva faticato parecchio e qualcuno lo aveva giudicato un flop: ecco perché Galliani e il Milan se ne sono liberati, dicevano a Lisbona.

Ora, se potessero, straccerebbero il diritto di riscatto concesso a Percassi. Ma non si può fare: sarà Atalanta.

Programmazione: la Lazio pensa al futuro - sottolinea IlCorrieredellasera - ed è confortante che punti su un giovane in crescita, è il segnale che Lotito vuole conservare la squadra a livelli medio-alti. Ma è anche prevenzione, questa. Il presidente della Lazio sa che, quasi sicuramente, alla fine della stagione riceverà l’ assalto di grandi club europei – Juve in testa – per Milinkovic-Savic.

Potrebbe anche pensare di resistere, però i segnali arrivati dall’ entourage del serbo fanno pensare che il centrocampista chiederà di essere ceduto. E allora, di fronte a una proposta economica adeguata (l’ estate scorsa Lotito ha dichiarato di avere rinunciato a un’ offerta di 70 milioni), Sergej partirebbe, preferibilmente con destinazione estera e non Torino.

ADDIO

Per programmare il futuro della Lazio – e per prevenire il vuoto che lascerebbe Milinkovic-Savic – Lotito è andato a cercare la soluzione migliore: stessa posizione in campo, grandi prospettive tecniche, costo inferiore. Già, il prezzo. Perché conta, e molto, anche quello. Se la società biancoceleste dovesse davvero incassare una cifra monstre per il serbo, diciamo 60 milioni, potrebbe reinvestirne almeno 20 per Cristante. L’Atalanta ne guadagnerebbe più di 15 nel giro di pochi mesi. Un affarone per tutti, insomma. L’ unico vero pericolo è che Cristante continui a volare. A quel punto, la Lazio rischierebbe di trovare sulla propria strada qualche grande club, pronto a scatenare un’ asta per il centrocampista nato in Friuli da papà canadese e mamma italiana. Uno che sembrava un predestinato quando, nemmeno diciassettenne, esordì in Champions League con la maglia del Milan, salvo arenarsi tra il Benfica, appunto, il Palermo e il Pescara. Ora, con la maturità, la crescita è ripresa a ritmo vertiginoso. E la Lazio vuole fargli compiere un altro salto in avanti.

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso