Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Non esiste più derby senza Milinkovic

Due gol, due assist e tanto carattere. Il serbo torna stasera e la Juve non smette di monitorarlo

redazionecittaceleste

ROMA - Stasera torna, domani mattina è atteso a Formello e sabato in campo. Non esiste più derby senza Milinkovic. Inzaghi per un attimo aveva pensato di farlo partire dalla panchina dopo il doppio impegno con la Serbia dall'altra parte del mondo. Pensiero passato in un attimo perché la sua Lazio non può proprio fare a meno di questo gigante serbo. Sergej tra l'altro è riuscito pure ad anticipare il rientro. Inizialmente, causa mancate coincidenze, doveva rientrare a Roma soltanto dopodomani, invece rieccolo in anticipo per Simocino fra le mani.

CARATTERE

L'importanza di chiamarsi Milinkovic in un derby. Il flash back è recente, basta tornare all'andata e ritorno di Coppa Italia. Non solo due gol e due assist per Immobile, ma una prestazione con le unghie e con i denti. Sergej è fondamentale nella stracittadina per il suo carattere. Non conosce tensioni né preoccupazioni, anzi si esalta in queste grandi occasioni. La Lazio spesso è mancata di rabbia negli anni precedenti, con Milinkovic ha ritrovato tutt'altre armi e intenti. Metterla sul piano fisico, per esempio. Ma fin quando sarà possibile godersi ancora questo serbo?

JUVE

Le parole del dirigente bianconero Marotta relative ad un processo di svecchiamento della rosa bianconera, iniziato quest’anno e destinato a proseguire il prossimo con ancor più vigore, portano dritte a Sergej Milinkovic-Savic, obiettivo dichiarato in quel di Torino. La Juve è consapevole delle difficoltà dovute sia alla concorrenza agguerrita, sia alle richieste onerose di Lotito e per questo ha messo gli occhi sui due tedeschi Emre Can e Goretzka., in regime di svincolo dal prossimo febbraio. Ma il primo amore non si scorda mai - secondo Tuttosport - e l’obiettivo principale rimane quel Milinkovic, corteggiato a più riprese nelle scorse sessioni di calciomercato.

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso