CDS – Assalto ad Yilmaz

Assalto no stop, pressing asfissiante, offerte continue. Lotito vuole sfinire i turchi, è pronto a tutto per Yilmaz. La Lazio ha rilanciato anche ieri, ha proposto al Galatasaray i cartellini di Floccari e Ciani più 13 milioni. «L’offerta totale è di quasi 20 milioni» , questo è stato scritto in…

di redazionecittaceleste

Assalto no stop, pressing asfissiante, offerte continue. Lotito vuole sfinire i turchi, è pronto a tutto per Yilmaz. La Lazio ha rilanciato anche ieri, ha proposto al Galatasaray i cartellini di Floccari e Ciani più 13 milioni. «L’offerta totale è di quasi 20 milioni» , questo è stato scritto in Turchia, sulle contropartite sono arrivate conferme dall’Italia. I turchi hanno preso tempo, ma Floccari non accetterebbe la destinazione. E’ in scadenza, il rinnovo è lontano, tra sei mesi deciderà il suo futuro, la società proverà comunque a cederlo sino all’ultimo minuto (il Bologna ci sta riprovando). La Lazio ha cambiato contropartite, coraggiosamente aveva offerto Pereirinha e Stankevicius, da Istanbul non hanno dato speranze. Il Galatasaray s’è impuntato, per cedere Yilmaz ha chiesto 15 milioni di euro cash, in alternativa accetterebbe solo formule di pagamento rapide, non troppo lunghe (così come le vorrebbe Lotito). Le contropartite tecniche non sbloccano l’affare, serve una svolta sul pagamento. Eppure qualcosa si muove: Terim avrebbe puntato Bruma dello Sporting Lisbona, è un’ala sinistra, vale 10 milioni, i soldi incassati per Yilmaz sarebbero utili per prenderlo.

DA ISTANBUL – La trattativa è in piedi, andrà avanti, c’è tempo sino a lunedì, sarà un week-end lunghissimo. Lotito progetta sorprese, potrebbe stupire piazzando un colpo inatteso. Yilmaz è il sogno per l’attacco, sta sfumando la candidatura di Gilardino (blindato dal Genoa), resta in corsa Matavz (Psv Eindhoven). Il match con la Juve non distrarrà i dirigenti, l’assalto al bomber turco continuerà. Nella notte di giovedì s’era fatto risentire Bulent Tulun, il diesse del Galatasaray, aveva passato la palla a Lotito: «Abbiamo fatto la nostra richiesta, dipende dalla Lazio, se accetterà le nostre condizioni cederemo Yilmaz» . I turchi ieri hanno giocato contro l’Eskisehirspor in trasferta, l’attaccante è partito titolare, è uscito dopo 45 minuti, è sembrato svogliato, vuole partire, l’ha fatto capire bene. A fine gara c’è stato un summit con i dirigenti, Burak ha chiesto la cessione.

TARE-PETKO – Parola alla Lazio. Il diesse Tare ha affrontato il caso da Montecarlo, dopo i sorteggi europei. Guarda tu il destino, dall’urna è uscito anche il Trabzonspor, ex squadra di Yilmaz: «Vediamo cosa succederà, l’unica certezza è che abbiamo messo sotto contratto Perea. Puntiamo su di lui, ma abbiamo avuto dei problemi con il tesseramento. Ci sono tante opzioni da valutare…» . Tare considera Perea nel progetto, ma può essere tesserato un solo extracomunitario, il rebus va risolto, che ne sarà di lui? Il baby bomber s’allena in Colombia, attende la chiamata, il suo staff riceve rassicurazioni dal club biancoceleste, il tesseramento però slitta. Yilmaz e Berisha: sono le trattative più calde, andranno seguite sino a lunedì alle 23. In Albania sono certi, dicono che «il portiere ha firmato un contratto di 4 anni a 500 mila euro con la Lazio» . Berisha aspetta il passaporto svedese, ha incontrato la Lazio mercoledì sera, era presente anche il Kalmar. Il Chievo minaccia di impugnare l’accordo che ha depositato in Lega e di rivolgersi alla Fifa. Berisha non è ancora diventato comunitario, conta di ottenere lo status in tempo: «Lunedì dovrebbe essere tutto sistemato» . La Lazio può chiudere l’acquisto in extremis pagando circa 300 mila euro al Kalmar, ma dovrà cedere Bizzarri.

 

 

Corriere dello Sport
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy