notizie

GAZZETTA – Mauri e Lazio: pronto il deferimento

La Procura federale raddoppia: dopo i deferimenti del filone Bari, è pronto quello per Stefano Mauri, Omar Milanetto, Lazio e Genoa. Stefano Palazzi aspetterà ancora qualche settimana prima di renderlo ufficiale, ma un dato è...

redazionecittaceleste

La Procura federale raddoppia: dopo i deferimenti del filone Bari, è pronto quello per Stefano Mauri, Omar Milanetto, Lazio e Genoa. Stefano Palazzi aspetterà ancora qualche settimana prima di renderlo ufficiale, ma un dato è certo: il capitano biancoceleste finito in carcere a Cremona un anno fa e accusato di aver preso parte alle combine nelle gare contro Genoa e Lecce, andrà a processo entro l’estate. Si chiude così un’attesa snervante che ha spiazzato tifosi e addetti ai lavori: «Ci sono figli e figliastri», la frase più gettonata. Il capo d’imputazione per Mauri dovrebbe essere il più pesante (illecito), grazie alle nuove carte arrivate alla giustizia sportiva da quella ordinaria.

In verità, non tutto il materiale in mano al procuratore Roberto di Martino è stato girato a Roma, perché le indagini sono in una fase calda. In particolare c’è un passaggio che riguarda il capitano della Lazio: alcune telefonate avute con Mister X, l’uomo incontrato da Gegic a Milano e che «sussurrava» i tarocchi di A per 600 mila euro. È indagato, ma non ha ricevuto l’avviso di garanzia. Ecco perché da Cremona lo tengono coperto. A breve, però, potrebbe esserci una svolta: se fosse così Palazzi avrà a disposizione tutti gli atti. Ma il destino del processo sportivo a Mauri è scritto: il deferimento ci sarà lo stesso. Tra le carte a disposizione della Procura federale c’è l’esame dei tabulati nelle ore precedenti a Lazio-Genoa 4-2 e alla visita dalle parti di Formello di Zamperini e Ilievski (capo degli Zingari). Un vorticoso giro di telefonate e messaggi simile al traffico in tangenziale nell’ora di punta.

Gazzetta dello Sport

Potresti esserti perso