notizie

CORRIERE DELLA SERA – Lulic «vede» la Juventus ma solo da avversaria

«Resto e vinco». Detto da Senad Lulic ha un valore particolare: è l’eroe del 26 maggio ed è l’oggetto del desiderio della Juve, non è uno qualsiasi. Ma è come se lo fosse, perché il...

redazionecittaceleste

«Resto e vinco». Detto da Senad Lulic ha un valore particolare: è l’eroe del 26 maggio ed è l’oggetto del desiderio della Juve, non è uno qualsiasi. Ma è come se lo fosse, perché il successo non l’ha cambiato. Anche se, dopo quel gol, nulla intorno a lui è più uguale a prima: «Sono quello di sempre —le sue parole—, però si vede che qui è cambiato qualcosa. Vinceremo ancora». Il 71, il minuto che ha fatto la storia e che ha dato alla Lazio la possibilità di giocarsi la Supercoppa, rimarrà stampato nella sua memoria, non sulla maglia: «Il mio è il 19, ma il 71 è nel mio cuore. Ora, contro la Juve, dobbiamo dimostrare di essere grandi». Oggi la Lazio si ricompone: Hernanes, Gonzalez e Candreva sono attesi alle visite mediche, Marchetti le ha già fatte. Da domenica, tutti a Formello.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Potresti esserti perso