Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Lazio col freno a mano, ma vince di nuovo

Lazio, il gruppo coeso può permettere ai gocatori di dare il 110% in campo.

Nonostante una gara non brillante e il pericolo corso nel finale, i biancocelesti di Inzaghi mettono in cascina altri tre punti...

redazionecittaceleste

ROMA - L'ha detto Inzaghi ieri nel corso della conferenza stampa: "Cosa salvo? Il risultato". Esatto, probabilmente i tre punti guadagnati ieri sul campo del'Empoli sono stati la nota più dolce di un pomeriggio un po' amaro. Amaro perché la Lazio fisicamente ha sofferto i padroni di casa, vivendo un primo tempo fatto di difficoltà ed errori tecnici. Quando si corre poco, anche far correre il pallone diventa più difficoltoso. I capitolini sono sembrati imballati, lontani parenti della squadra che l'anno scorso seminava il panico nelle difese avversarie grazie al proprio entusiasmo e alla tecnica dei propri attaccanti.

PAROLO-GOL, MA CHE RISCHI!

La rete che decide la gara la segna Marco Parolo nel secondo tempo, con la specialità della casa: l'inserimento nel cuore dell'area di rigore. Ma prima di questo la Lazio ha rischiato di andare sotto nel punteggio a causa di un altro inserimento centrale, stavolta di Acquah. Ma Strakosha aveva detto no, neutralizzando il tiro con un riflesso felino e facendosi un segno della croce dopo che Zajc aveva spedito in curva la ribattuta. Nella seconda frazione i biancocelesti sono più pericolosi, ma le sovrapposizioni sono poche, gli strappi ancor meno. Nonostante questo prima Correa, che prende il palo, poi Marusic, che non ci va neanche vicino, fanno disperare gli oltre 3000 supporters biancocelesti accorsi al Castellani. Infine, il miracolo: Caputo si ritrova nell'area piccola al 95' un pallone che va solo spinto dentro, ma sulla sua strada c'è un gatto. Ancora. Strakosha dice nuovamente di no, con un intervento che vale da solo i tre punti che la Lazio riesce a strappare ai toscani, aggiustando la classifica dopo aver perso le prime due contro Napoli e Juventus. I tre punti ci sono stati, il gioco un po' meno. Ci sarà da lavorare, siamo all'inizio di un tour de forces e Inzaghi non ha intenzione di lasciare nulla al caso.

Potresti esserti perso