• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

Lazio, Luis Alberto: la pace ha il simbolo della fascia da capitano

Luis Alberto capitano nello spezzone di gara finale

di redazionecittaceleste

ROMA – Al 30′ minuto del secondo tempo di un bagnatissimo Crotone-Lazio, Simone Inzaghi richiama in panchina capitan Ciro Immobile per far spazio ad Andreas Pereira. La fascia da capitano passa a Luis Alberto. I bambini fanno pace con il mignolino, i campioni con lo stare in campo e con le giocate. E così, lo spagnolo, dopo una partita buona ma sfortunata, viene premiato così dal suo allenatore: fascia al braccio e pace fatta. Caso rientrato, insomma, se mai caso ci fosse stato.

CROTONE, ITALY – NOVEMBER 21: Luis Alberto of SS Lazio competes for the ball with Benali of FC Crotone during the Serie A match between FC Crotone and SS Lazio at Stadio Comunale Ezio Scida on November 21, 2020 in Crotone, Italy. (Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. viacerignol_10539672 - 3 giorni fa

    Scusate, ma non posso essere d’ accodo con quello che é avvenuto in campo a Crotone.
    E’ STATA UNA SCELTA SCELLERATA !!!
    Siamo seri.
    Dare la fascia di Capitano della squadra ad un giocatore che ha detto quello che ha detto contro la Società….
    Non avrebbero meritato quella fascia, con molto maggiore merito, un Acerbi o un Correa ?
    Tanto per fare dei nomi?
    Quella scelta l’ho personalmente letta quasi come una sostanziale condivisione di quello che era accaduto nei giorno precedenti.
    Al di là della valutazione a livello di “cavolata”, usata quasi come eufemismo di una “ragazzinata”.
    E questo gesto del tecnico è di una gravità di non trascurabile importanza.
    Penso che la Società non possa non cominciare a tenerne in debito conto i comportamenti.
    Unitamente alla mala gestione di non pochi altri giocatori.
    Sto pensando, tanto per fare dei nomi, a Pedro Neto, sulle cui tracce é ora la Juventus, e scusate se é poco, e lo stesso Vavro: brocco e malandato a Formello, ma capace di una grande e pronta prestazione nella sua nazionale, la Slovacchia, e per 110 minuti..!!!
    Siamo proprio sicuri di riproporgli il rinnovo del contratto?
    Il Direttore sportivo e il Presidente sono avvisati.
    E sono pregati, per quanto possibile, di “allargare” il loro orizzonte.
    Enzo 41

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy