ESCLUSIVA – Presilla: “La frode sportiva non è un gioco. Si rischia la carriera”

ROMA – Dalla Romania rimbalzano notizie in merito a una presunta combine tra Rapid Bucarest e Lazio nel match di Champions League risalente alla stagione 2007/08, già smentita dalla società capitolina e della quale non arrivano riscontri neanche dalla Uefa. Per fare chiarezza sulla situazione abbiamo contattato Marcello Presilla, responsabile…

di redazionecittaceleste

 

ROMA – Dalla Romania rimbalzano notizie in merito a una presunta combine tra Rapid Bucarest e Lazio nel match di Champions League risalente alla stagione 2007/08, già smentita dalla società capitolina e della quale non arrivano riscontri neanche dalla Uefa. Per fare chiarezza sulla situazione abbiamo contattato Marcello Presilla, responsabile Sportradar in Italia, una delle agenzie più importanti nella lotta alle antifrodi sportive e che sta andando in giro tra le squadre di serie A,B e LegaPro per parlare del fenomeno agli atleti.

 

Avvocato che cos’è il Match-fixing?

E’ un termine tecnico che significa partita manipolata e truccata, non riguarda solo gli incontri di calcio ma anche quelli di box, di cricket e hockey su ghiaccio. Incontro manipolato, per questioni legate alle scommesse e al risultato finale. Oggi si può fare in mille modi diversi, si può scommettere su over e under sul numero di calci d’angolo, sul numero di cartellini gialli, si può fare di tutto”.

 

L’Uefa come sta intervenendo?

Si può intervenire, l’organo della Uefa ci ha incaricato come Sportradar di controllare tutte le partite di serie A e B dei 54 campionati europei, Champions League e Europa League compresi. Refertiamo alla Uefa, se ci sono stati meccanismi sanzionatori, facciamo un lavoro specifico. Facciamo attivita di controllo, inviamo il report alla Uefa che apre l’istruttoria e segue tutti gli altri aspetti legali, bisogna mettere insieme tutti i pezzi. In tanti casi, abbiamo dato prova che la frode non c’è stata. Se non c’è noi scriviamo che non c’è frode. Abbiamo mandato referti dove scrivevamo che non si evidenzia alcun sospetto su quella determinata partita. E’ importante sapere che non deve esserci una caccia all streghe, ci sono purtroppo casi di atleti che si sono macchiati di questi episodi. Nel calcio italiano non ci sono elementi di anomalia, sono in linea con i parametri ntrnazionali. Ci vuole una grande informazione mttendo in guardia i giocatori che si rischia la crriera, e non è un giochino. Sono atleti importanti, devono evitare cattive frequentazioni. Il controllo è molto rigoroso sia da parte della Procura Federale nel caso dell’Italia che da parte della Procura della Repubblica”.

 

Come sta andando l’incontro con i giovani delle squadra di serie A?

I giocatori italiani stanno ascoltando molo bene, c’è una grande presa di coscienza dei dirigenti e dei giocatori stanno recependo bene e con grande attenzione i concetti espressi. Sono molto soddisfatto per l’atteggiamento di dirigenti delle squadra di Serie A, B e Lega Pro”.

 

La Uefa nei confronti del match-fixing come si sta comportando. Per un presunto illecito di match-fixing c’è la prescrizione a distanza di anni? Esiste la retroattività?

Va utilizza in maniera diversa, l’attività di indagine deve essere riservata e adottata dagli organi competenti con la massima riservatezza. Come match radar facciamo un monitoraggio sulle partite. Non è automatico che un indicatore di una piccola anomalia possa indicare che una partita sia truccata, anomalie tecniche che non indicano, bisogna essere molto cauti.In generale bisogna vedere in relazione alle norme. Ci sono norme di carattere sportivo, sanziona la combine sia quella sportiva sia quella finlizzata alle scommesse. Nel 2014 sono state insaprite anche le sanzioni penali con Alfano nell’ordinaameno italiano in maniera molto dura. Oggi si consente al Magistrato di utilizzre inercettazioni telefoniche e ambientali. Le nuove norme sulla forde sportiva prevdono pene minimo due fino a un massimo di 6 anni, non vale per fatti antcedenti al 2014, è legge da alcuni mesi. Sono leggi molto severe che prevedono svariati anni di carcere. Il reato di frode sportiva pone in essere il coinvolgimento di varie persone. Solitamente viene contestata l’associazione a delinquere, quando c’è una reiterazione del reato. Ci sono una serie di partite truccate, il Magistrato può portare avanti anche l’associazione a delinquere. Truccare una partita è un reato grave, la gente perde la passione, le società possono fallire e sponsor possono fuggire, facendo perdere svariati milioni di euro. Ti distrugge il valore dello sport, ci perde l’imprenditore e la stampa che ha una partecipazione nel circo mediatico”.

Cittaceleste.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy