• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Da Marassi a Biglia, Inzaghi cerca vendetta sul più pagato Montella

Il tecnico biancoceleste vuole togliersi dei sassolini nella scarpa con l’ex aeroplanino

di redazionecittaceleste

ROMA – Non l’ha mai dimenticata la quarta panchina di serie A della sua vita, Inzaghi. Non ha mai dimenticato Marassi e quella frase di Montella: “Avresti meritato di vincere”. Un anno e mezzo dopo quella sconfitta con la Samp di fine aprile 2016, Simoncino ritrova di nuovo l’ex aeroplanino. Già l’anno scorso il tecnico biancoceleste aveva cercato la rivincita di quella partita stregata, ma forse con Montella non si tratta solo di una giornata. Sembra quasi esserci una maledizione perché per un motivo o per un altro non ha mai lieto fine il copione. All’andata col Milan, prima l’errore di Parolo, poi quello di de Vrij ed ecco il doppio scivolone. Ko assicurato e appuntamento per un altro riscatto rimandato. Quindi l’appuntamento di ritorno, un successo quasi scontato sino all’ottantacinquesimo, agl’inciampi di Milinkovic e Biglia, così Suro riporta in parità la guerriglia.

TABU’

Inzaghi dunque non deve sfatare il tabù Milan, bensì quello Montella. Che, con tre milioni di stipendio, si prende adesso il terzo gradino dei mister più pagati della Serie A. Simoncino è arrivato appena oltre il milione ed è comunque rimasto qua. Adesso sotto al più forte, nonostante al tecnico rossonero siano stati portati giocatori di tutt’altro spessore in questo mercato alla sua corte. Inzaghi vuole innanzitutto vendicarsi dello “scippo” del pupillo Biglia, a centrocampo ha già approntato col nuovo Lucas la battaglia. I conti si faranno comunque a fine gara, di sicuro Inzaghi a Montella vuole fargli vivere una sfida amara.

DERBY

Un derby come ai vecchi tempi, stavolta si gioca in panchina. Sugli scudetti da giocatori, uno a uno e palla al centro. Domenica parte la rincorsa alla Champions. Per Montella c’è un imperativo categorico dopo le spese folli della sua società, Inzaghi invece parte da dietro con poche novità. Qui si vedrà a fine stagione la bravura, la Lazio sulla carta parte in salita, il Milan in pianura: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy