• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Ore decisive per il mercato, ma gli esuberi del Milan non possono essere la soluzione

Ore decisive per il mercato, ma gli esuberi del Milan non possono essere la soluzione

In queste ore si parla di Paletta e Niang, giocatori che non possono essere considerati adeguati alla Lazio di Inzaghi e alle ambizioni del popolo laziale

di cittacelesteredazione

di Simone Cesarei

ROMA- Sono ore decisive per il mercato della Lazio. A nove giorni dal gong finale, Inzaghi aspetta rinforzi che possano garantire una rosa lunga e adeguata in vista delle tre competizioni che i biancocelesti dovranno sostenere. In particolare l’allenatore piacentino aspetta un difensore centrale mancino, che sostituisca Wesley Hoedt, atteso per le visite mediche al Southampton, e un attaccante esterno che possa non far rimpiangere Keita Balde, fuggito a Barcellona e con nessuna intenzione di tornare a Roma. Nove giorni per completare una rosa che, in questi giorni, sta mostrando tutte le sue lacune. Con l’infortunio di Felipe Anderson, Simone Inzaghi è stato costretto a lanciare dal primo minuto al fianco di Immobile, nella prima giornata di campionato contro la Spal, il giovane Palombi, che tanto bene ha fatto nel precampionato ma che non è riuscito ad incidere sul match. Anche in difesa le rotazioni sono contate, e con la difesa a tre che vuole essere l’assetto difensivo privilegiato il tecnico biancoceleste ha bisogno di rinforzi che possano far respirare i titolari senza per questo farli rimpiangere.

RINFORZI ROSSONERI

paletta-milan

Si infiamma il mercato della Lazio, dunque. Un difensore e un attaccante. Questi sono gli obiettivi della dirigenza biancoceleste per gli ultimi giorni di mercato. Con quasi 25 milioni da reinvestire, i tifosi si aspettano profili di medio-alto livello, che possano garantire un salto di qualità nell’arco delle tre competizioni. I nomi che circolano però spaventano, più che rassicurare. Secondo le ultime indiscrezioni, c’è una base di accordo con il Milan per Gabriel Paletta, difensore in uscita dai rossoneri. Titolare lo scorso anno della difesa milanista, con cui ha collezionato 30 presenze, 2 gol e ben 5 espulsioni, quest’anno è stato scaricato dal tecnico Montella ed è pronto a cercare una nuova sistemazione. Si tratta di un giocatore già cercato in passato dal ds Tare, ma che è in fase calante nella sua carriera, e non può dare certezze ad una piazza che ambisce a tornare alla gloria di un tempo. I tifosi laziali non possono considerare Paletta come il sostituto ideale per sostituire un giovane che aveva dimostrato di avere ampi margini di crescita come Hoedt. Altro nome che sembra essere entrato in orbita Lazio è quello di M’Baye Niang. Partito titolare in rossonero la scorsa stagione, agli ordini di Montella ha collezionato 18 presenze e 3 gol in campionato, prima di essere ceduto in prestito al Watford. Ora è tornato alla base, ma non sembra rientrare nei piani della dirigenza meneghina. Ecco perchè il ds Tare sta lanciando l’assalto in queste ore. Niang sarebbe un giocatore che sicuramente potrebbe essere utile ad Inzaghi, ma che non può essere considerato il sostituto di Keita per due motivi. Il primo è di natura tattica, il francese da il meglio di se infatti quando agisce accanto ad una punta, e non da attaccante esterno; mentre il secondo riguarda le qualità tecniche: sostituire un giocatore determinante come Keita con Niang vorrebbe dire fare un passo indietro in quanto a pericolosità offensiva e capacità realizzative. Il mercato della Lazio entra nel vivo, ma per ora non sembra essere all’altezza delle ambizioni del popolo biancoceleste. Sperando che Inzaghi ci smentisca.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy