Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

smart news

Paura per Peppina Fattori: portata in ospedale, rinuncia al container

  Paura per Peppina Fattori, la 95enne di Fiastra finita sotto sfratto per alcune irregolarità nella costruzione di una casetta in legno, avvenuta dopo il terremoto. Infatti, per il riacutizzarsi di problemi respiratori, l’anziana è...

redazionecittaceleste

Paura per Peppina Fattori, la 95enne di Fiastra finita sotto sfratto per alcune irregolarità nella costruzione di una casetta in legno, avvenuta dopo il terremoto. Infatti, per il riacutizzarsi di problemi respiratori, l’anziana è stata portata nei giorni scorsi al Pronto Soccorso di Civitanova Marche. “Mia madre ha preso freddo stando nel container nei giorni successivi alla festa per il suo compleanno anche perché le temperature sono scese”, aveva spiegato Agata Turchetti, una delle due figlie dell’anziana donna.

Peppina Fattori aveva sfidato l’inverno in quell’angusto container in cui vive dopo la decisione del Riesame. Si era poi trasferita a Civitanova dalla figlia Agata, quindi l’altro giorno l’avevano portata in ospedale. Dopo la paura iniziale, i familiari di Peppina Fattori hanno tirato un sospiro di sollievo. E’ stata infatti scongiurata la polmonite, ma stavolta le figlie non hanno voluto far tornare la madre nel piccolo borgo di Moreggini, nel quale era di fatto l’ultima residente. L’anziana si trova attualmente a Castelfidardo, nell’anconetano, a casa dell’altra figlia, Gabriella. Alla 95enne, nelle scorse settimane, aveva anche scritto il Papa, chiedendole proprio di lasciare quel container di pochi metri quadri.

Sempre nei giorni scorsi, è arrivato un emendamento del governo al dl fiscale sul sisma, che riordina la legislazione in materia e potrebbe risolvere la questione di Peppina Fattori, divenuta simbolo degli sfollati. Intervistata sulle recenti novità, l’anziana ha commentato: “Speriamo”. Sulla questione, la figlia Gabriella ha evidenziato: “Dovrebbe essere convertito in legge entro metà dicembre, poi, ci ha spiegato l’avvocato, dovremo avanzare richiesta di dissequestro della casetta di mia madre. Speriamo che non ci siano intoppi, e che mamma possa rientrare lì per Natale”.