Keita “fuori rosa” già con la Juve: anche la squadra non lo vuole

Keita “fuori rosa” già con la Juve: anche la squadra non lo vuole

Già ad Auronzo molti senatori avevano mal digerito il suo comportamento, ora nessuno vuole più riabbracciarlo

ROMA – Non è solo un problema legato alla società quello di Keita Balde, criticato pubblicamente da Peruzzi per l’infortunio che lo ha tenuto fuori contro l’Atalanta, ma anche una questione di spogliatoio. Infatti, secondo quanto riportato questa mattina da Il Corriere dello Sport, il giocatore non sarebbe più gradito dal resto dei compagni (già furiosi per la mancata presentazione per il ritiro di Auronzo), situazione che lo spinge ogni giorno di più, lontano dalla maglia biancoceleste. La rottura tra il senegalese e il club di Lotito adesso è davvero definitiva.

BATTAGLIA – Intanto, a colpi di comunicati, prosegue la battaglia fra Keita e la Lazio. Stavolta interviene l’agente Calenda: «I dirigenti biancocelesti e Inzaghi, invece di tutelare un loro patrimonio, ne mettono in discussione la parola scatenando un processo pubblico contro il giocatore. Che si è fatto male in allenamento, ma purtroppo né Peruzzi né i suoi 5 membri dello staff sanitario hanno avuto l’accortezza di accompagnare Il giocatore in clinica dove i medici (quelli precedenti, ndr), terminato l’esame strumentale, gli hanno detto di rimanere a riposo per alcuni giorni visto il leggero trauma distorsivo al ginocchio. Keita potrebbe rientrare in gruppo in settimana per prepararsi alla Juve. Non ha disertato nulla, visto che non è stato convocato per infortunio e non ha saltato alcun allenamento presentandosi regolarmente per fare terapie». Risponde subito la Lazio, è lapidario il concetto: «I referti medici sono inequivocabili». E i laziali stavolta si schierano tutti dalla parte della società: «Ingiustamente – aggiunge Calenda – perché non ci sono trattative in corso e Keita non ha alcun motivo, se non un male, per non giocare. Anzi, non vede l’ora perché tiene tanto alla Lazio. Per questo la società dovrebbe aiutarlo invece d’attaccarlo con il solo scopo di recuperare il sostegno di tifosi delusi e amareggiati ed in continua protesta».

TIFOSI – Frecciatina polemica finale, accolta con replica finale dal club: «Nessun bisogno di recuperare il consenso dei tifosi attraverso le vicende di Keita, piuttosto ci serve che i nostri giocatori dimostrino, non con le parole ma con i comportamenti ed i fatti, la loro professionalità dentro e fuori dal campo». Continuando così, direttamente in tribuna. Fuori rosa, ma non fuori Roma: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy