Una Lazio irriconoscibile cade a Bucarest: sconfitta senza scuse

1-0 sul campo dello Steaua, i biancocelesti sbagliano troppo e soffrono i contropiedi di Gnohere e compagni.

di redazionecittaceleste

di Leonardo Mazzeo

ROMADove è finita la vera Lazio? I ragazzi di Inzaghi mettono in scena la peggiore prestazione della stagione: gioco sfilacciato, tanto nervosismo in campo. Lo Steaua ne approfitta e punisce in contropiede con Gnohere: 1-0 il risultato finale. Al ritorno ci sarà bisogno di un atteggiamento completamente diverso per ribaltarla.

Inzaghi-Lazio

CONTROPIEDE FATALE

Primo quarto d’ora confusionario, la palla resta in aria e non ne vuole sapere di scendere. La Lazio prova a costruire, ma il tandem Nani-Caicedo fatica a trovare l’intesa. Milinkovic si batte e cerca spazio a centrocampo, la prima occasione è sui piedi di Caicedo: l’ecuadoriano, dopo la spiazzata di testa di Murgia, si libera in area e tira da posizione defilata, ma Vlad si oppone. I biancocelesti continuano a spingere, e si espongono così a un contropiede fatale: minuto 28, Budescu lancia Gnohere, Nani prova a intercettare il passaggio ma cicca l’intervento; il numero 9 si invola verso Strakosha e lo batte con freddezza. La Lazio accusa il colpo, poi prova a reagire prima con Nani, poi con un colpo di testa di Milinkovic che si stampa sulla parte alta della traversa. Il risultato non cambia fino al doppio fischio di Aytekin che manda le squadre al riposo sull’1-0.

LAZIO_DIFESA_2

Inizia il secondo tempo con la Lazio in pressione, Caicedo ci prova di testa ma il suo tentativo termina di poco sopra la traversa. Inzaghi prova a ribaltare la situazione: dentro Immobile e Felipe Anderson, fuori i deludenti Nani e Caicedo. I biancocelesti, però, commettono troppi errori di misura: non c’è precisione nella manovra biancoceleste, che si spegne quasi sempre sul nascere. Al 60’, lampo di Felipe: il brasiliano dialoga con Milinkovic, supera in velocità gli avversari e si presenta a tu per tu con Vlad. Poi però sbuccia il tiro, che si spegne sul fondo. Al 66’ Basta ha una doppia occasione per pareggiare ma dall’interno dell’area non riesce né a tirare, né a servire un compagno. Due minuti più tardi, Budescu ha tra i piedi l’occasione per chiudere la partita, ma grazia Strakosha dopo averlo saltato. Non è serata neanche per Milinkovic, che servito da Basta spara alto un ottimo pallone. Passano i minuti e il gioco della Lazio continua ad essere nervoso e discontinuo: la difesa balla, il centrocampo non regge, l’attacco non incide. Al minuto 84 clamorosa chance per la Lazio: Felipe Anderson semina il panico sulla fascia, pesca in mezzo Caceres che inciampa sul pallone e non riesce a spingerlo in porta. È l’ultimo vero squillo biancoceleste: la partita termina 1-0, la Lazio torna a casa senza punti in tasca dopo la più brutta prestazione stagionale. Una sconfitta meritata.

Cittaceleste.it

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

INZAGHI IN CONFERENZA STAMPA

LE DICHIARAZIONI DI TARE NEL PRE-PARTITA

Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy