Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Ex Lazio, Stankovic a lezione da Inzaghi: “Un top coach”

Inzaghi e Luis Alberto

Stankovic e Inzaghi hanno condiviso tanto quando erano alla Lazio. Al punto che il rispetto reciproco è ancora alle stelle

redazionecittaceleste

L'ottava giornata di campionato sta per cominciare. Il prossimo turno di Serie A inizierà sabato e vedrà subito all'opera due grandi del campionato: Lazio e Internazionale. I due club, che hanno nella loro storia si sono scambiati molti allenatori e calciatori, quest'anno daranno vita ad una sfida del tutto speciale. Forse come mai prima d'ora, almeno sotto l'aspetto del romanticismo e dell'amarcord. Erano anni, infatti, che l'incontro tra i capitolini e i meneghini non era così sentito. Il motivo? A guidare i campioni in carica quest'anno c'è Simone Inzaghi. Attaccante prima e calciatore poi, che per 22 anni ha fatto parte della Lazio. Vivendone il migliore e il peggior periodo.

 Inzaghi e Conte

Lo sguardo dell'ex

Un altro ex, che è e Dejan Stank0vic, non vede l'ora che arrivi il fischio d'inizio. L'ex centrocampista, sia della Lazio che dei meneghini, è molto felice della carriera che sta avendo il suo ex compagno di squadra. Inzaghi, ha dichiarato l'allenatore della Stella Rossa di Belgrado ai microfoni di TMW, è stata la miglior scelta per continuare il lavoro iniziato da Antonio Conte. Insomma, i riflettori sono già pronti. Manca solo il via ufficiale:

Inzaghi top coach

Sono veramente molto felice di quello che Inzaghi ha fatto vedere. Già con la Primavera si erano viste cose buone, poi è arrivata a sorpresa la chiamata da parte della prima squadra. Anche lì si è mostrato sin da subito per quello che è: un top coach. Anche con i nerazzurri ha avuto un buon avvio. Penso che il suo modo di intere il calcio sia il migliore per continuare ciò che ha iniziato l'ex Conte. Si è già vista la sua mano, tuttavia quella meneghina è una compagine costruita sul 3-5-2 migliore per l'allenatore salentino. Tuttavia, se c'è qualcuno in grado di dare nuova linfa al lavoro già svolto, quello è proprio Simone. Anche sul mercato, alcuni ruoli sono stati rafforzati. Mentre altri sono andati ad indebolirsi. Una cosa è certa, la mia ex Internazionale lotterà per lo scudetto".