Lazio, Immobile attende la Scarpa d’Oro: “Non è ancora possibile”

L’altro ieri fa Ciro Immobile è stato premiato in quanto capocannoniere dello scorso campionato. L’attaccante della Lazio è in attesa della Scarpa d’Oro

di redazionecittaceleste

ROMA – Appena l’altro ieri Ciro Immobile è stato premiato dall’Associazione Italiana Calciatori (AIC) poiché al termine della scorsa stagione, si è laureato capocannoniere della Serie A. Riuscendo a totalizzare un bottino di 36 reti, pari a quello che si portò a casa Gonzalo Higuain ai tempi del Napoli. Nessun altro calciatore nella storia del campionato italiano è riuscito a fare meglio di loro. La vena realizzativa di King Ciro non si è però fermata al Belpaese. Il bomber partenopeo è infatti riuscito ad aggiudicarsi anche la Scarpa d’Oro. Con un totale di 72 punti derivati dai 36 goal messi a segni in Italia, Immobile è risultato come il miglior centravanti d’Europa. Alle sue spalle Robert Lewandowski (68 punti per 34 goal) e Cristiano Ronaldo (62 punti per 31 goal).

LA SFIDA – Il prossimo 23 febbraio, la Lazio ospiterà il Bayern Monaco in uno degli incontri di Champions League più attesi dei prossimi ottavi di finale. Dopo aver sfidato e battuto il talento di oggi e presumibilmente del futuro, Erling Haaland, il numero 17 capitolino vorrà misurarsi faccia a faccia anche con il goleador polacco. I due sono tra i centravanti più forti della loro generazione. Gli occhi di gran parte del mondo saranno puntati su di loro. Peccato solo che l’ultimo martedì del mese i tifosi non potranno essere presenti allo Stadio Olimpico.

LA SCARPA D’ORO – Tornando all’attesa della Scarpa d’Oro, la pandemia ha naturalmente fatto slittare anche quella che è senza dubbio una delle cerimonie più significative nel mondo del pallone. L’anno scorso Lionel Messi, calciatore al quale Ciro Immobile ha strappato il titolo, aveva festeggiato all’Antigua Fàbrica Estrella Damm di Barcellona. Il trofeo, tra l’altro, gli era stato consegnato direttamente dal figlio. Immobile spera di poter replicare quanto prima un evento altrettanto significativo. Tuttavia, una cosa è certa: quanto l’attaccante della Lazio verrà insignito del premio, sarà celebrato in grande stile. Cittaceleste ha parlato in esclusiva con Cees Van Culienborh, segretario geneale della European Sport Media, che organizza la cerimonia e ci ha risposto: “Purtroppo a causa del Covid non è ancora possibile fare nulla”.

GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA S.S.LAZIO
ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy