Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, biancocelesti in nazionale: Inghilterra a valanga, travolti Strakosha e Hysaj

Strakosha con l'Albania

Serata da dimenticare per i due calciatori della Lazio chiamati dall'Albania per sfidare l'Inghilterra dei vice campioni d'Europa

redazionecittaceleste

Ritorno tra i pali amaro per Thomas Strakosha che contro l'Inghilterra, nel match valevole per le qualificazioni alla Coppa del Mondo che si terrà in Qatar nel 2022, è stato letteralmente travolto dai goal. Per ben cinque volte, l'estremo difensore della Lazio è finito con il raccogliere il pallone in fondo al proprio sacco. Se prima della sfida di Wembley l'Albania del classe 1995 e di Elseid Hysaj, anche lui in campo per novanta minuti, aveva della chance di farcela, ora è tutto finito. Ad una giornata dal termine della fase preliminare, la selezione albanese si trova a -5 dalla Polonia attualmente seconda. Piazzamento valido quantomeno per accedere agli spareggi.

 Hysaj con l'Albania

L'uragano Harry Kane

Tra i mattatori dell'incontro figura il nome del solito Harry Kane. Il centravanti del Tottenham si è tolto la soddisfazione di mettere a segno una tripletta, andando in goal dopo 18, 33 e 46 minuti. Pratica che, se si aggiungono anche le marcature di Harry McGuire al 9' e di Jordan Henderson al 28', risultava chiusa già dopo la prima frazione di gara. Tra gli albanesi ben noti in Italia che hanno sfidato la nazionale britannica, c'erano anche Nedim Bajrami dell'Empoli, Frederic Veseli della Salernitana e Marash Kumbulla della Roma. Quest'ultimo, tra l'altro, anche vecchio obiettivo biancoceleste per la difesa.

Il sogno Mondiale

Insomma, il sogno Mondiali è sfumato. Peccato perché poteva essere un grande traguardo visto che l'Albania nella sua storia non ha mai preso parte ad un torneo così prestigioso. Attenzione però, questo è un incubo che persino l'Italia ha conosciuto bene. E ora che il match decisivo con la Svizzera è stato archiviato dopo il pareggio maturato nelle scorse ore, nella testa dei calciatori azzurri è bene che non riaffiorino i vecchi fantasmi del passato. Già quattro anni fa andò male. Per questo è vietato sbagliare ancora.