Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, troppi goal subiti: il dato peggiore degli ultimi quarant’anni

Stefan Radu

C'è un dato allarmante in casa Lazio per quanti riguarda i goal subiti: avvio di stagione da incubo per i biancocelesti

redazionecittaceleste

Se la media di Maurizio Sarri prima di allenare la Lazio era di 2 punti a partita, ed ora è scesa a 1,5, la colpa è soprattutto di un reparto arretrato che fa acqua da tutte le parti. Contro il Verona nell'ultimo turno di campionato, poi, è arrivata la peggiore prestazione in questo avvio di campionato. I biancocelesti sono infatti usciti dal Bentegodi dopo aver subito quattro goal. Giovanni Simeone in stato di grazia non ha lasciato scampo alla coppia centrale composta da Patric e Stefan Radu. I due, che nell'attuale rosa non sono dei titolari inamovibili, sono stati mandati in campo dal primo minuto soprattutto per via delle squalifichedi Luiz Felipe e Francesco Acerbi. Entrambi i centrali, tuttavia, hanno smaltito i loro turni di stop e già contro la Fiorentina potranno essere nuovamente schierati dal primo minuto.

 Maurizio Sarri

Il dato che spaventa

Non che questo possa fare chissà qualche differenza. Anche con la coppia titolare la Lazio ha dimostrato di andare in affanno. Parlano i dati. i 17 goal subiti nelle prime 9 giornate non sono pochi, anzi. Questo è a tutti gli effetti il dato peggiore in casa biancoceleste da un bel po' di anni a questa parte, quasi 40 anni. L'ultima volta che la società capitolina avviava un campionato con una difesa così ballerina, risale infatti alla stagione 1983/84. All'epoca la Lazio subì una rete in più in altrettante gare.

Difesa punto debole

Certo, durante la gestione di Simone Inzaghi non è che le cose siano andate granché meglio. Anche sotto la guida del tecnico piacentino il vero tasto dolente del club è sempre stato la difesa. Peccato, però, che siano un po' di anni che la dirigenza non mette mano al portafoglio con l'ambizione di sistemare il reparto arretrato. Basterebbe un piccolo ritocco, anche questa volta, per rendere la Lazio una società realmente competitiva. In Italia e fuori dal campionato.