Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Notizie Lazio – Giordano: “Senza Champions annata fallimentare”. Sconcerti: “Lenta e prevedibile”

Bruno Giordano

L'ex calciatore Bruno Giordano, ha rilasciato questa mattina alcune dichiarazioni a TMW Radio su alcuni temi attuali in casa biancoceleste

redazionecittaceleste

L'ex calciatore Bruno Giordano, ha rilasciato questa mattina alcune dichiarazioni a TMW Radio su alcuni temi attuali in casa biancoceleste. Ecco le sue principali parole:

"Questa Lazio stenta tantissimo, l'allenatore cerca di mascherare alcune cose ma nelle ultime settimane ha davvero fatto una grande fatica. Dalla sconfitta di Milano contro l'Inter in poi è stato un crescendo di delusioni. La Juve l'ha dominata, è fuori dalla Coppa Italia e quasi sicuramente anche dalla Champions. Se non arrivasse almeno quarta si può parlare di un'annata fallimentare. La flessione dei big e di Immobile ci può stare, Inzaghi deve capire che quando i giocatori stanno così fuori forma mandarli in campo è solo un danno per loro stessi e la squadra. Così anche i grandi calciatori perdono certezze. Serve uno stop per tornare al meglio. L'anno scorso Inzaghi era tra i tecnici più quotati, adesso le cose vanno meno bene. Ma ci sta nel calcio, sono le annate".

 Le parole di Sconcerti

Parla Sconcerti

Sullo stesso argomento è intervenuto il giornalista Mario Sconcerti, alla stessa emittente dell'ex bomber biancoceleste. Le sue parole:

"Quello della Lazio è un ciclo da ricollocare, non sta facendo bene come l'anno scorso. E' normale a queste condizioni non mantenere le promesse. La Lazio adesso è lenta, prevedibile. Non ci si può più meravigliare di questi risultati. Ci sono delle squadre migliori sulla carta e la classifica lo sta dimostrando. Non bisogna necessariamente ripartire da Inzaghi l'anno prossimo. Se è una società classica italiana, come la Lazio, quella con un padre-padrone e sono tutti una famiglia si può proseguire insieme, altrimenti non la vedo una priorità. Si può tranquillamente ripartire con un nuovo tecnico. Ad alti livelli non credo che Inzaghi avrebbe molto appeal, ci sono tanti tecnici bravi italiani in questo momento fuori dai giri e pronti a tornare alla prima chiamata utile".

Potresti esserti perso