Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

QDL – Santangeli: “Luis Alberto? Forse un po’ imbavagliato dai nuovi schemi”

Luis Alberto

Le parole della giornalista Cinzia Santangeli circa lo stato di forma della Lazio e le prestazioni di alcuni suoi calciatori

redazionecittaceleste

La giornalista Cinzia Santangeli, è recentemente intervenuta ai microfoni di Cittaceleste TV e di Radiosei dove ha detto la sua sulla Lazio in vista della prossima partita contro i nerazzurri campioni d'Italia. La sfida non sarà facile ma lo spettacolo non mancherà. Ecco il suo pensiero per la puntata odierna di Quelli della Libertà:

 Luis Alberto

Sulla sfida

"La classifica non permette di fare passi falsi. Questo vale per la Lazio ma anche per i rivali nerazzurri. Inzaghi ha una buona squadra e la fa giocare anche meglio rispetto a quella di Conte. Mi ricorda molto come faceva giocare i biancocelesti. ciononostante, i meneghini hanno delle falle e i capitolini dovranno approfittarne. Se Sarri vuole vincere deve far giocare i suoi come al derby. Per il resto, mi aspetto una buona accoglienza nei confronti dell'ex tecnico".

Sulla stagione della Lazio

"Se non dovesse recuperare Immobile vorrei vedere Pedro centravanti invece di Muriqi. Non ritengo il kosovaro da Serie A, e ho dei dubbi anche per la Serie B. Ancora oggi non capisco come mai il mister abbia accettato di tenerlo in rosa. Per quanto riguarda Strakosha, da quello che so la società sta lavorando sul rinnovo. Tuttavia, mi aspetto un investimento in porta da parte della società. Reina comincia ad avere un po' di anni, perciò la società farebbe bene a puntare su un nuovo profilo. Quello ideale sarebbe Cragno del Cagliari. Mi dispiace non aver visto ancora Radu. L'unica spiegazione è che Sarri proprio non riesce a vederlo. Magari è poco congeniale nella difesa a quattro. Forse la sua esclusione è dovuta solo a questioni tattiche, anche perché è un grande professionista. Anche se non gioca rimane un elemento prezioso per lo spogliatoio. Secondo me chi ha sofferto di più, che magari si è sentito un po' imbavagliato, è stato Luis Alberto".