Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Ag. Radu: “Non la migliore situazione, ma le scelte le fa Sarri. In estate…”

Stefan Radu

Le parole di Matteo Materazzi, agente del difensore biancoceleste, in merito alla situazione attuale e alle sirene estive da Milano

redazionecittaceleste

Tra i grandi misteri di questo inizio di stagione della prima Lazio targata Maurizio Sarri c’è senza dubbio la situazione legata a Stefan Radu. Il recordman di presenze con la maglia biancoceleste, dopo il rinnovo in estate nonostante le tante altre richieste, fin qui non è infatti mai sceso in campo. Proprio in merito è intervenuto oggi il suo agente, MatteoMaterazzi, ai microfoni di Radio Incontro Olympia. Di seguito le sue parole.

 Sarri e Radu

La situazione in biancoceleste

La situazione di Stefan alla Lazio sicuramente non è delle migliori. Fin qui in questo inizio di stagione non ha mai giocato né in Europa League né in Serie A. E per uno come lui, dopo tanti tornei ad alti livelli, questo è senza dubbio un momento particolare. Stefan sta benissimo a livello fisico e, da grande professionista qual è, si allena nel migliore dei modi. Però ovviamente le decisioni finali spettano a mister Sarri. Stefan, non appena sarà chiamato in causa, si farà trovare pronto come ha sempre fatto. Abbiamo parlato dopo il vaccino somministrato, fisicamente si sentiva un po’ fiacco però ha recuperato e lottato come un leone. Lo ha sempre fatto e continuerà a farlo ancora”.

Sirene nerazzurre

Inzaghi e i nerazzurri? Che Simone lo volesse con lui a Milano è il segreto di Pulcinella. Sul tavolo erano arrivate diverse offerte per Stefan, essendo un giocatore in scadenza di contratto. E fra queste c’era quella della società nerazzurra. Lui però alla fine ha scelto con il cuore e per questo è rimasto alla Lazio. Mi dispiace da tifoso non vederlo attualmente in campo, però nel calcio tutto può cambiare in un attimo… Il suo ruolo? Secondo me potrebbe giocare tranquillamente nel centrosinistra della difesa a quattro di Sarri. Quando è arrivato alla Lazio giocava come terzino però e, per questo, può giocare naturalmente largo basso nella sua fascia di competenza. Se scenderà in campo da titolare sabato contro i nerazzurri vista la squalifica di Acerbi? Non mettetemi in difficoltà per favore, ripeto: le scelte spettano a mister Sarri”.