Verso Lazio-Sampdoria, Quagliarella resta il pericolo numero uno. La probabile formazione doriana

La Lazio affronta la Samp di Ranieri e degli ex Keità e Candreva alle 15, per la quarta giornata di ritorno di serie A

di redazionecittaceleste
Sampdoria, Ranieri
La Lazio affronta la Samp di Ranieri e degli ex Keità e Candreva oggi alle 15, per la quarta giornata di ritorno di serie A. Ma chi deve temere maggiormente la retroguardia biancoceleste? Probabilmente Ranieri, per il suo modo di giocare le gare e dei numeri contro la Lazio. Quando ha contro i capitolini, da buon romanista, si trasforma. Ma se tant’è vero che in campo non ci vanno gli allenatori, l’uomo più pericoloso tra i doriani resta Fabio Quagliarella…sempre se, in campo ci andrà. Infatti quest’anno anche lui sta entrando in discussione, sebbene sia sempre decisivo anche quando entra. Ma l’età avanza, la carta d’identità è un’amara realtà con cui tutti prima o poi devono fare i conti, e anche l’ex Napoli e Juve è entrato nell’ottica della gestione. Non è più titolare inamovibile, ma quando gioca lascia sempre il segno, che lo faccia dall’inizio o a partita in corso, come successo domenica scorsa contro la Fiorentina. Pericolo numero uno, insieme ai due ex Keità e Candreva, che sono i principali pericoli doriani, figuriamoci poi se hanno l’etichetta di ex.
Sampdoria, Quagliarella
LA PROBABILE FORMAZIONE – Ranieri valuta il miglior undici da contrapporre alla Lazio. Proprio Quagliarella, probabilmente sarà rilanciato dal 1’, al pari dei due ex. Ma andiamo con ordine. Ci sono vari dubbi soprattutto a centrocampo e in difesa. Davanti ad Audero ci saranno Bereszynski e Augello (in gol all’andata), mentre al centro Colley e Yoshida partono in vantaggio ma è viva la candidatura del ristabilito Tonelli. A centrocampo, nel 4-4-2 classico, sicuro del posto è solo Candreva sulla fascia. Si giocano i restanti posti Ekdal, Thorsby e Adrien Silva nel mezzo, Jankto, Dasmsgaard (anche lui in rete all’andata) e Ramirez sul versante opposto all’ex Lazio. In avanti Keità con Quagliarella, ma Torregrossa non parte spacciato e farà staffetta con il veterano.
(4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Candreva, Ekdal, Thorsby, Damsgaard; Keità, Quagliarella. All.: Ranieri
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy