MERCATO – Mossa Lotito, c’è il rilancio per Yilmaz

Lotito l’ha promesso ieri: «Faremo di tutto per accrescere il potenziale offensivo. Yilmaz o non Yilmaz spero che i tifosi apprezzino…» . Ultima settimana di mercato, aspettatevi 7 giorni lunghi, può succedere di tutto. Non solo il riscatto di Candreva, la Lazio vuole rintracciare un attaccante forte. Il presidente è…

di redazionecittaceleste

Lotito l’ha promesso ieri: «Faremo di tutto per accrescere il potenziale offensivo. Yilmaz o non Yilmaz spero che i tifosi apprezzino…» . Ultima settimana di mercato, aspettatevi 7 giorni lunghi, può succedere di tutto. Non solo il riscatto di Candreva, la Lazio vuole rintracciare un attaccante forte. Il presidente è rientrato ieri da Cortina, da oggi guiderà le operazioni da Roma insieme a Tare. E’ pronto l’assalto finale ad Yilmaz, le parole di Lotito (pur se criptate) valgono come una conferma. La Lazio insiste per l’attaccante turco, si lavora sulle cifre. «La Lazio ha presentato un’offerta molto importante per Yilmaz di circa 14 milioni, ma il Galatasaray non l’ha accettata perché non vuole lasciarlo partire quest’anno» , ha detto ieri Alì Egesel, il manager del turco. Il procuratore in settimana aveva confermato l’offerta presentata dai laziali, ieri avrebbe svelato la cifra messa sul tavolo, quattordici milioni di euro. Le indiscrezioni provenienti dall’Italia sono diverse, la Lazio avrebbe stanziato circa 10 milioni per convincere il Galatasaray. Lotito vorrebbe rateizzare il pagamento in quattro anni, da oggi tenterà l’ultimo assalto. I turchi ragionano diversamente, pretendono 15 milioni con pagamento al massimo biennale, chiedono tanto perché devono cedere il 25% dell’eventuale incasso al Trabzonspor (ex club del giocatore). Se l’operazione Yilmaz fallirà, il presidente si lancerà su Matavz del Psv Eindhoven, in alternativa restano in piedi le candidature di Matri e Gilardino (ma sono al centro di varie trattative). La Lazio ha messo in stand-by Perea perché vuole puntare su un attaccante pronto: per tesserare Yilmaz (come del resto Perea) deve però cedere il nigeriano Adeleke (è ancora a Formello, è in corso il trasferimento nella B svizzera). Kozak viaggia verso l’Udinese, Floccari potrebbe restare.

BERISHA-BIZZARRI – Trattativa per il riscatto di Candreva, affare Yilmaz e caso Berisha verso la conclusione. Il portiere, designato come vice Marchetti, ha annunciato nuovamente il suo arrivo: «Ho parlato con i rappresentanti della Lazio, attendono la partenza di uno dei loro portieri – ha detto al sito albanese asport.info – ma il più grande ostacolo è il mio permesso di lavoro in Italia. Sono in attesa di questo documento nella prossima settimana, se ne riparlerà lunedi o martedì» . I tempi coincidono, Berisha dovrebbe ottenere il passaporto comunitario tra oggi e domani. La Lazio non ha mollato la presa nonostante il diktat del Chievo: «Berisha è nostro» , ha sentenziato Sartori, il diesse dei veronesi. Il Chievo fa pesare il contratto (un preliminare in realtà) che ha depositato in Lega, ha decorrenza da gennaio 2014 (Berisha è in scadenza a dicembre). Il portiere afferma di non aver firmato di suo pugno. La Lazio non s’è fatta intimorire, vuole acquistare Berisha versando 300 mila euro nelle casse del suo club, il Kalmar. La società è convinta di spuntarla, ma il rischio che il giocatore subisca un provvedimento disciplinare è alto. Il Chievo potrebbe rivolgersi alla Fifa per salvaguardare i suoi interessi. In Albania sono sicuri, Berisha e il suo agente sono attesi in Italia domani. Il portiere oggi giocherà contro l’Atvidabergs, dovrebbe essere la sua ultima gara con la maglia degli svedesi. Berisha vuole la Lazio: «Non ho ancora firmato, ma non sarà un problema. Se avessi già avuto il permesso di soggiorno a quest’ora sarei lì!» . Berisha, nei fatti, deve prendere il posto di Bizzarri, ma il portiere argentino è bloccato. Il Genoa s’è ritirato, la Sampdoria non s’è mossa, c’era il Chievo sulle sue tracce, i rapporti Campedelli-Lotito rischiano di saltare. Ultimi 7 giorni, può davvero succedere di tutto. In lista d’uscita (dopo la cessione di Matuzalem) ci sono Stankevicius, Alfaro, Sculli e Barreto.

Fonte: Il Corriere dello Sport

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy