Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Obiettivo Europa League? Solo Parolo al vento, la Lazio vuole la Champions

Il vice-capitano biancoceleste ha parlato di sogno Champions e di obiettivo Europa League: ridimensionamento delle ambizioni o solo cautela?

redazionecittaceleste

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – La cena di Natale a Spazio900 è stata occasione per i giocatori biancocelesti di farsi abbracciare dai propri tifosi, ma non solo. Si è trattato di un momento nel quale l’ambiente ha dovuto compattarsi ancora di più per far fronte alle difficoltà dell’ultimo mese. Punti importanti sono stati lasciati per strada, e non solo per colpa della squadra biancazzurra. Sfortunatamente però questo periodo di appannamento ha allontanato la Lazio dalle primissime posizioni della classifica, visto che le concorrenti sono agguerrite e in un modo o nell’altro stanno riuscendo a fare bottino pieno in quasi tutte le partite disputate. Lì davanti corrono un po’ tutte, per questo i 3 punti contro il modesto ma combattivo Crotone sono più importanti che mai.

 

“OBIETTIVO? EUROPA LEAGUE, MA IL SOGNO…”

Marco Parolo, centrocampista della Lazio

Nel corso della cena di martedì sera uno dei giocatori più rappresentativi della rosa, nonché capitano in seconda Marco Parolo aveva detto: “La Lazio deve innanzi tutto finire al meglio il 2017, ci mancano ancora tre partite importanti. Poi bisogna ripartire alla grande nel girone di ritorno, vogliamo fare ancora più punti. Il nostro obiettivo è l'Europa League, ma il sogno si chiama Champions. Dobbiamo evitare di perdere punti, questo è l’essenziale. Verso marzo capiremo se questo obiettivo può essere raggiunto. Questa è una squadra forte, con giocatori che stanno crescendo e maturando. Se la squadra sta nella forma giusta può giocarsela con tutti”. La lucida disamina del centrocampista di Gallarate mette in evidenza la voglia di tornare a macinare punti e di lasciarsi alle spalle l'ultimo periodo, ma anche che l'obiettivo sia l'Europa League, non la Champions. La verità però sembra essere un'altra, infatti la Lazio ci crede. I punti dall'Inter potenzialmente sono 4 e dopo il Crotone avrà luogo proprio lo scontro diretto tra le squadre gemellate, che potrà dire molto sulle ambizioni di ambo le compagini. Per questo non si tratta di ridimensionamento, tutt'altro. Semmai si vuole lavorare sotto traccia senza fare proclami, lasciando parlare il campo. E questo a Parolo e ai compagni biancoceleste riesce piuttosto bene.

UNITI VERSO LA VITTORIA

Claudio Lotito, presidente della Lazio

Non poteva certo non dire nulla il patron della Lazio Claudio Lotito, che durante l’evento a Spazio900 ha dichiarato: “Volevano ghettizzarci, ma non ci riusciranno. Tutti uniti possiamo raggiungere i nostri traguardi”. Non parole di circostanza, ma una vera volontà di spronare tutto il mondo biancoceleste a riprendersi ciò che la sfortuna (e gli arbitri) gli hanno tolto nelle ultime settimane. Un grido di battaglia verso le concorrenti per l'Europa che conta, per inviare un messaggio forte, chiaro ed inequivocabile: la Lazio c'è, come e più di prima. Nessuno vuole tirarsi indietro, nessuno vuole gettare la spugna anzi, tutti vogliono provare a rendere questo sogno Champions realtà. Intanto, il Sergente Milinkovic-Savic spiega ad un tifoso juventino perché gioca nella Prima Squadra della Capitale: CONTINUA A LEGGERE