nazionale

Italia-Belgio, quale gara inutile? Vincere può decidere il cammino Mondiale

Italia campione d'Europa

La partita di domani potrebbe essere fondamentale in ottica Qatar 2022: per questo la vittoria è più che un premio di consolazione

redazionecittaceleste

Mancano ormai circa ventiquattro ore al fischio di inizio della finale di consolazione tra Italia e Belgio. Le due squadre, sconfitte rispettivamente da Spagna e Francia, si giocheranno il terzo posto finale nella seconda Nations League della storia. Poche ore più tardi, in serata, iberici e transalpini invece scenderanno in campo per aggiungersi al Portogallo nell’albo dei vincitori. Sarebbe quindi all’apparenza facile pensare che il match degli Azzurri come a poco più di un’amichevole, gara obbligatoria priva di utilità per parafrasare le parole di Courtois. Ma la realtà è ben più complessa di come appare.

 Belgio-Italia

Questione di ranking

Il Belgio mai vincitore di nessuna competizione ma reduce da diversi piazzamenti importanti è primo al mondo nel ranking FIFA. L’Italia, invece, è al momento quinta dopo i prossimi avversari, il Brasile, l’Inghilterra e la Francia. Ipotizzando che non ci sia il bis di quanto avvenuto nelle qualificazioni ai Mondiali del 2018, per l’Italia sarebbe fondamentale mantenere l’attuale posizione nel ranking. La Spagna è in recupero dopo l’ultima vittoria contro gli Azzurri e da oggi al giorno dei sorteggi dei gironi per il Mondiale mancano ancora diverse partite. 

Ogni sconfitta e ogni pareggio sarà determinante per il ranking e rimanere nelle prime sei potrebbe fare la differenza in Qatar. Questo perché sei delle otto teste di serie dei gironi saranno determinate in base alla classifica. Saranno testa di serie il Qatar, paese ospitante, e la Francia campione in carica. A queste si aggiungerebbero, al momento, Belgio, Brasile, Inghilterra, Italia, Argentina e Portogallo. Vincere contro il Belgio, quindi, darebbe una spinta importante anche in ottica ranking.

La probabile formazione

A poco più di ventiquattro ore dal match, andiamo intanto a vedere quali potrebbero essere le scelte di Mancini. Si era parlato di esperimenti che, però, vista la situazione potrebbero essere in gran parte rimandati. Tra i pali dovrebbe esserci ancora Donnarumma, con Acerbi e Chiellini - o Bastoni - al centro in difesa e Di Lorenzo e Dimarco ai lati. A centrocampo potrebbe esserci spazio per Locatelli e Pellegrini insieme a Barella, ma resta viva la candidatura di Jorginho mentre dovrebbe riposare Verratti. Certo del posto Chiesa in avanti, si giocano due maglie Raspadori, Kean e Insigne.