Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Avv. Grassani: “Lazio – Torino? E’ chiara la regola da seguire”

Il legale che ha difeso il Napoli nel processo per la gara non disputata all'Allianz Stadium lo scorso ottobre, si è espresso anche su Lazio - Torino

redazionecittaceleste

ROMA - Sarebbe bello poter pensare solo al calcio giocato e magari al calciomercato (per chi lo fa), ma purtroppo i tifosi del gioco più bello del mondo sono stati costretti a impratichirsi con complicati conti sui bilanci, sui protocolli anti covid e sulle questioni legali che capitano sempre più spesso in questo periodo. E' arrivata l'ufficialità sul caso del momento: "Lazio-Torino sub iudice". Questo recita il comunicato della Lega Serie A relativo alle decisioni del Giudice Sportivo per le ultime gare della sesta giornata di ritorno del campionato italiano.

 I calciatori biancocelesti sul prato dell'Olimpico

L'avvocato Mattia Grassani, il legale che ha difeso il Napoli nella vicenda dell'Allianz Stadium di alcuni mesi fa, è intervenuto sull'argomento ai microfoni di TMW Radio: "Se ci sono analogie con il caso Juve - Napoli? Qualcuna c'è, ma la vicenda Lazio - Torino è ancora più chiara. La positività dei calciatori granata era ben nota da giorni rispetto a quella dei giocatori del Napoli. Lo stesso Gravina ha detto che la partita non era disputabile per il precedente. Il parere del Collegio di Garanzia è la regola da seguire. E' stata la Lega a creare confusione, reiterando l'atteggiamento del "si gioca ad ogni costo". Non credo che si arriverà al terzo grado di giudizio. Sarà il Giudice Sportivo a decidere quando si giocherà la gara".

L'avv. Grassani si è espresso anche sull'eventuale ricorso da parte della Lazio in caso di mancata concessione del 3 a 0 a tavolino: "Qualora dovesse arrivare il ricorso dei biancocelesti in una fase così avanzata della stagione, sarà difficile avere una nuova data in tempi brevi. Per Juve - Napoli la decisione è arrivata dopo oltre due mesi. Se la Asl decide che non si gioca, non si gioca, altrimenti si compie un reato".

Potresti esserti perso